bitcoin-nuovo-record

Bitcoin (BTC) supera il suo record e vola sopra i 20.000$

In queste giornate, stiamo assistendo ad una nuova ascesa del valore di Bitcoin, la regina delle crypto, che ha oltrepassato il suo massimo storico (o ATHAll-Time High) di 20.000$. 

Era dicembre 2017, quando la crypto del “Don’t Trust, Verify” aveva sfiorato il valore di 20mila dollari, senza mai superarlo, ma anzi cadendo subito dopo in discesa libera e arrivando a toccare anche minimi di 3.000$ nel dicembre successivo (2018). 

Oggi, invece, quello che mostrano tutte le piattaforme sono grafici con dei grandi “candelotti verdi” all’altezza di 21.000, 22.000 e 23.000 dollari americani. 

In pratica, Bitcoin ha rotto la resistenza dei 19.800$ che, tra novembre e dicembre, continuava a toccare come tetto massimo per poi scendere anche fino 17.000$. Ora, toccando i 20.000$ e, fin da subito, sostando anche su valori più alti, quello che sta succedendo è cercare di comprendere quale sarà la prossima resistenza. 

Come per ogni degna regina, anche tutto il suo “regno”, cioè “le grandi crypto a seguire”, stanno registrando aumenti, regalando un mercato color verde speranza proprio in questo 2020, l’anno che passerà alla storia anche per l’emergenza sanitaria globale Covid19. 

Osservando Bitcoin: l’asset della decentralizzazione

Senza entrare nello specifico (aspetti tecnico-informatici o finanziari), ma semplicemente osservando il trend del mercato e il significato del progetto Bitcoin, si possono osservare le dinamiche che hanno interessato l’asset della decentralizzazione. 

Innanzitutto, è assodato come la community di Bitcoin sia sempre più sostenitrice dell’idea basica del “progetto senza padrone, in netto contrasto con il sistema bancario e governativo che, ovviamente, sono centralizzati.

Infatti, la costituzione del Bitcoin è il suo prezioso White Paper (documento originario che istituisce tutto il sistema di funzionamento della Blockchain di Bitcoin) che è stato pubblicato il 31 ottobre 2008 ed è entrato poi in funzione il 3 gennaio 2009. 

In pratica, da quel momento, l’idea del sistema di pagamento elettronico peer-to-peer decentralizzato ha preso vita ed ha cominciato a diffondersi tra i primissimi miners (i convalidatori delle transazioni) e utenti (coloro che effettuano le transazioni).

In questi 12 anni, la rete dell’asset della decentralizzazione si è sempre più diffusa e allargata, coinvolgendo dai semplici e singoli utenti fino ai grandi colossi sia finanziari che anche di altri settori. 

La tecnologia della catena dei blocchi, la Blockchain, è stata apprezzata in tutto il mondo proprio per essere la rappresentazione di un libro mastro distribuito, trasparente, sicuro e non hackerabile, presa in considerazione per registrare non solo transazioni di Bitcoin ma anche altre tipologie di dati.

Si è creato un vero e proprio mercato intorno alla Blockchain, con la creazione di altre crypto (asset con una propria blockchain diversa da Bitcoin) e token ( asset che viaggiano su una blockchain principale non propria). 

Questo movimento, la creazione di nuovi progetti che intendono seguire l’ideale del significato di Bitcoin, conta oggi una crescita di mercato spaventosa, capitanata sempre dalla regina delle crypto che, da sola, risulta avere una capitalizzazione di oltre 4 miliardi di dollari.   

Dicembre 2017 e Dicembre 2020: cosa è cambiato nell’intorno di Bitcoin

Torniamo ai 20.000$ sfiorati nel dicembre 2017 e superati in questo dicembre 2020. Cosa è cambiato intorno alla regina delle crypto? 

Fonte: TradingView

Nel 2017, si era nel pieno dei progetti ICO o Initial Coin Offering. In pratica, come un crowdfunding digitale, i progetti o le startup usufruivano di questo strumento per offrire nel mercato il loro nuovo token in cambio di liquidità, con la promessa di sviluppo del progetto (la RoadMap con tutte le fasi di sviluppo nel tempo) e la quotazione del token o criptovaluta sugli Exchange. 

Essendo il mercato crypto un mercato non regolamentato, tantissimi progetti hanno utilizzato le ICO solo per trarre profitto, risultando solo delle presentazioni su Power Point, dei veri e propri scam, in pratica: totalmente inesistenti. 

A causa di questa grande bolla fatta di fuffa, il prezzo di BTC è passato dal registrare il suo massimo storico nel dicembre 2017 a registrare il suo minimo nel dicembre 2018

A partire dal 2019, rimpiazzando le ICO con le Initial Exchange Offering – IEO e le Security Token Offering – STO, che richiedono l’intervento da parte degli Exchange o particolari requisiti tecnico-legali, il mercato crypto è potuto ripartire

Un supporto attuale per BTC: il mondo DeFi – Decentralized Finance

Anche se non strettamente collegati, il micro-mercato della Finanza Decentralizzata o DeFi ha cominciato a prendere piede durante il 2019, riproducendo l’ideale della decentralizzazione proposta da Bitcoin. 

La conferma ce la siamo ritrovati in questo 2020, l’anno della pandemia mondiale da Covid19 in cui, mentre alcuni mercati sono crollati, il mercato crypto e DeFi in generale ha tenuto testa.

Non solo, il 2020 è anche l’anno del terzo halving (il secondo era stato nel 2016), che si è verificato esattamente l’11 maggio 2020 e per cui è avvenuto il famoso dimezzamento del compenso ai miners in bitcoin: da 12.5 BTC a 6.25 BTC. 

In pratica, se coloro che mantengono il sistema funzionante, convalidando le transazioni, guadagnano la metà, perchè la Blockchain stessa emette la metà delle monete, allora o diminuisce il lavoro o aumenta il prezzo della moneta (pura economia!). 

Conclusione

Il nuovo massimo storico di Bitcoin (BTC) è da questo momento sopra quota 20.000$. Le ipotesi future sul prezzo, anche dai nomi celebri del settore, sono di tutti i tipi. C’è chi sostiene che potrà raggiungere cifre a 5 zeri come tornare a 3 zeri. 

Quello che conta è che a 12 anni di vita, questo innovativo e dirompente sistema di pagamento elettronico peer-to-peer cresce e si espande, lasciando che intorno a sé si creino molteplicità di progetti, mercati e nuove micro-attività.

Essendo di giovane età, il Bitcoin ha una volatilità di prezzo ancora molto ballerina, tipica e preferita dalle generazioni dei Millennials e Generazione Z. 

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
On Trend

Gli ultimi Articoli pubblicati..

Ricevi le ultime news

Iscriviti alla newsletter mensile!

Riceverai una notifica su tutti gli articoli pubblicati ogni mese..

contATTAMI

Se stai cercando collaborazioni o semplicemente vuoi chiedere informazioni..

Compila il form qui sotto!

Ti risponderò nel più breve tempo possibile!

o

GRAZIE!