generazioni-finanza

Finanza e Generazioni: l’investitore nel tempo

Se da un lato la finanza tratta tutte le scelte che riguardano i flussi di denaro (consumi, investimenti, finanziamenti..), dall’altro le stesse scelte vengono espresse in base al trend della generazione di cui si è parte.  

Dalle abitudini di spesa, agli investimenti, fino ad arrivare agli obiettivi finanziari, tutto dipende dal momento particolare della vita in cui ci troviamo, le circostanze economiche in cui viviamo, l’età che abbiamo, la storia che il mondo percorre e che noi percorriamo con essa.

Inevitabile, dunque, che ogni generazione conosce, pensa e sceglie in una certa maniera rispetto le generazioni precedenti e successive, approcciandosi ai concetti di ricchezza e di denaro seguendo il proprio trend generazionale

Classifica Generazioni: dai Baby-Boomers alla Generazione Alpha

Ecco un elenco delle generazioni e delle loro caratteristiche principali. 

Baby-Boomers (per i nati dal 1945 – 1965)

Attualmente, sono i nostri 55-75enni, e cioè quella fascia d’età di persone già in pensione o che si accinge ad entrarvi. 

Il periodo storico dei Baby-Boomers è caratterizzato principalmente dal boom economico e demografico post Seconda Guerra Mondiale. È la generazione delle rivoluzioni culturali, femminismo, del rock e movimento Hippie. Hanno vissuto le ribellioni sia politiche che civili (le lotte per i diritti civili), accrescendo un forte senso dell’impegno e dell’identità.

La generazione dei Baby-Boomers predilige la comunicazione face-to-face, confronti telefonici e le riunioni. Il media di cui sono più affezionati è la televisione. Sono orientati al lavoro e alla carriera, ambiziosi, con redditi mediamente elevati, ma anche con una grande predisposizione al risparmio. 

Generazione X (coloro nati tra 1966 – 1980)

Sono tutte le persone dai 40 ai 55 anni di età, che ha vissuto eventi storici epocali come la caduta del muro di Berlino e la fine della Guerra Fredda.

Non solo, la “X” deriva dal famoso romanzo “Generazione X” di Doug Coupland del 1991, che descrive come questa generazione si sia ritrovata schiacciata tra i grandi sogni americani ereditati e l’incubo delle Torri gemelle

E infatti, si tratta di una generazione ponte tra la recessione e precarietà, (sviluppando però mentalità più aperte sul tema della sessualità o delle razze) e l’inizio dell’era di internet e la rivoluzione digitale. 

La Gen X è la generazione della personalizzazione dei media per eccellenza, affezionandosi al Personal Computer, avendo vissuto per primi l’epoca degli walkman e cellulari. La sua comunicazione preferita rimane via email o messaggi di testo (o sms). 

Generazione Y – Millennials (coloro nati tra 1981 a 1995)

I Millennials (o Generazione Y) sono le persone che oggi hanno un’età compresa tra 25 e 39 anni, tra chi sta ancora finendo gli studi universitari e chi lavora prediligendo il fai-da-te. 

Sono anche chiamati la Net GenerationGenerazione della Rete – proprio per indicare la loro maggiore familiarità con gli strumenti di condivisione creati con internet. 

Nello stesso tempo, per la forte crisi economica registrata tra 2007 e 2010, sono anche la generazione della precarietà, definiti anche “bamboccioni” perchè vivono ancora a casa con la famiglia. 

Con la tecnologia, però, si rivelano come la generazione più ambiziosa ed esigente, esercitando costantemente il proprio potere di scelta in tutto, grazie anche agli strumenti informatici che lo permettono ( quale film guardare in TV, quali news leggere, in quale influencer identificarsi..). 

Comunicano attraverso i social network, dove sono sempre attivi, e pertanto i media di cui sono affezionati sono proprio i tablet e smartphone. I Millennials sono la generazione della condivisione (sharing) per eccellenza. 

Generazione Z ( 1996 – 2010) 

Sono gli attuali bimbi-ragazzi dai 10 ai 24 anni e si aggiudicano il primato per essere la prima generazione nativa digitale. Vivono i risultati della continua evoluzione tecnologica e saranno il target futuro. 

La Generazione Z è considerata la prima generazione mobile-first della storia. Sono persone multimediali, interconnesse e totalmente immerse in una dimensione “a schermo”. 

La loro è una comunicazione fatta perlopiù di immagini (forte impatto visivo), immediata (sempre attivi e operativi) e ricca di curiosità (per non abbassare la soglia di attenzione).  

Generazione Alpha (2010 – oggi) 

I nostri neonati fino ai 10 anni sono considerati la nuova Generazione Alpha, scegliendo, non a caso, la prima lettera dell’alfabeto greco per esprimere proprio la prima generazione del ventunesimo secolo. 

Il Gap Generazionale nel mondo della Finanza

Entrando nella sfera della finanza, l’evoluzione della tecnologia e dei mercati finanziari continua a fornire sempre nuove soluzioni di investimento o nuovi strumenti finanziari da utilizzare per le generazioni che convivono in questo attuale periodo storico. 

Seguendo le caratteristiche sopracitate, è inevitabile affermare che, in materia finanziaria, i Baby-Boomers e la Generazione X appaiono più conservatori e prudenti, predisposti a farsi seguire da consulenti finanziari professionisti e con una propensione al rischio di profilo basso. 

Al contrario, i Millennials e Generazione Z sono abituati ad uno stile di vita meno ordinario e delegato fin dalla nascita e, quindi, sono indubbiamente propensi a correre più rischi trovandosi a loro agio con questi meccanismi. 

Ognuno di loro utilizza almeno un’applicazione di economia e finanza sul telefono, che sia per fare i conti, investire o per le operazione bancarie di tutti i giorni. Pertanto, sia la Gen Z che i Millennials operano preferendo, anche in materia di investimenti, il fai-da-te e la personalizzazione utilizzando internet, sia per imparare e specializzarsi che per monitorare i loro trend.

In sostanza, grazie a questa dimestichezza nell’utilizzo della rete e dei device, riescono a gestire sia i rischi sugli investimenti che le proprie performance cercando convenienza, trasparenza e di fare la differenza

Anche le strategie di investimento sono tendenzialmente diverse. I Baby-Boomers e Gen X, infatti, sono stati abituati, su suggerimento di consulenti finanziari, a mettere da parte il denaro in un conto di risparmio per poi investirlo magari nel mattone anni dopo.

Una strategia che oggi sembra sia superata dagli autonomi, indipendenti e creativi investitori della generazioni successive, che tendono a investire in mercati più ballerini – come quello fintech delle criptovalute (non a caso, nato nel 2008) – o più green come quello della sostenibilità ambientale.

I due approcci diversi alla Finanza

Le due generazioni più “grandi” agiscono di “pianificazione”, e cioè impiegano i propri capitali su investimenti “più sicuri” come investire a lungo termine su patrimoni immobiliari, fondi comuni d’investimento o pensioni private, insieme a vari altri prodotti assicurativi.

Mentre, le altre due generazioni “più giovani” tendono a prediligere l’aiuto efficace offerto dall’intelligenza artificiale, che permette di monitorare grazie agli algoritmi sempre più sofisticati, e di correggere i propri investimenti strada facendo, anche se questo comporta un’azione più attiva e una dedizione maggiore, a causa dei repentini sbalzi di mercato che avvengono tutti i giorni.

Conclusione

I gap generazionali aiutano a comprendere le diverse influenze storiche, sociali, culturali, economiche e anche finanziarie nella nostra storia. Su questa base, è possibile anche prevedere i comportamenti futuri che segneranno la nuova storia.  

La Generazione Alpha è composta dai figli dei Millennials da cui erediteranno l’educazione anche in materia di finanza.

Chissà che la prima vera generazione mobile-first del ventunesimo secolo attiverà nuovi meccanismi epocali con rivoluzioni o eventi nel settore finanziario, per cui le scelte d’investimento saranno condivise da individui sempre più consapevoli, in grado di sostenere il futuro collettivo in materia di ricchezza. 

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
On Trend

Gli ultimi Articoli pubblicati..

Ricevi le ultime news

Iscriviti alla newsletter mensile!

Riceverai una notifica su tutti gli articoli pubblicati ogni mese..

contATTAMI

Se stai cercando collaborazioni o semplicemente vuoi chiedere informazioni..

Compila il form qui sotto!

Ti risponderò nel più breve tempo possibile!

o

GRAZIE!